Layout_header_artisti copia copia

Kevin Van Braak

Biografia

Nato nel 1975 a Warnseveld, NL. Vive e lavora ad Amsterdam.

 

Kevin van Braak è da sempre interessato alla relazione che l’uomo stabilisce con le architetture che progetta e con quelle che sopravvivono al passare del tempo.

 

Negli ultimi anni si è interessato al ruolo dell’architettura nella cancellazione della storia ricostruendo parti di edifici, arredi e oggetti storici. L’oscurantismo, il revisionismo e la rimozione della storia attraverso l’architettura sono centrali in opere come “Staircase” (2006), “Books for Burning?” (2009) and “La Facciata” (2010). Soggetti di questi lavori sono appunto edifici e luoghi con un importante retroterra politico e ideologico. Attraverso la mimesi, il restauro, l’adattamento e la trasformazione Kevin van Braak mette a nudo i percorsi storici e le originarie funzioni ideologiche.

 

Tra le sue recenti mostre personali CacosShards, Galeria Quadrado Azul (Lisbona, Portugal, 2012); History is made of different shades of grey, prometeogallery, (Milano, Italy, 2011). Tra le mostre collettive si ricordano: Invisible Violence, Museum of Contemporary Art Belgrade (Belgrado, 2014); Territory, Museum Boijmans van Beuningen, (Rotterdam, 2013); Between Form and Movements, Galleria Enrico Astuni (Bologna, 2012); The New Public, MUSEION – Museum für moderne und zeitgenössische Kunst (Bolzano, 2012); Towards A Warm Math, On Stellar Rays, New York City, (NY, 2012); Dove è  la città? Where is the city?, Sun, (Firenze, 2011);  Post-Monument, XIV International Sculpture Biennale of Carrara, (Carrara, 2010).

 

CV

Mostre

Pubblicazioni

Gallery